“Responsabilità colposa dei professionisti sanitari. Profili penali e civili.”

La responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie pur essendo stata oggetto di due riforme negli ultimi anni, dapprima con il c.d. decreto “Balduzzi” (d.l. 189/2012) e, poi, con la legge “Gelli Bianco” (l. 24 del 2017), rimane un tema centrale per giuristi e sanitari. Le due riforme, infatti, hanno previsto novità sia dal punto di vista civilistico che penalistico, con l’obiettivo di ridurre definitivamente il contenzioso giudiziario a carico dei professionisti sanitari e contrastare il noto fenomeno della medicina difensiva. Tuttavia, il raggiungimento di tali risultati è quantomai controverso. Il corso si propone di illustrare gli ultimi sviluppi della colpa medica, partendo da un inquadramento degli istituti giuridici fondativi della responsabilità (colpa, causalità, posizione di garanzia), per poi valutare se le recenti novità normative abbiano effettivamente portato ad un ridimensionamento della sovraesposizione giudiziaria in ambito sanitario. Il corso si struttura su due moduli: le suddette problematiche vengono analizzate dalla prospettiva sia del diritto penale che del diritto civile. A livello metodologico, il corso offre un costante dialogo tra l’esame del dato normativo vigente e la sua interpretazione giurisprudenziale e dottrinale, arricchito da un consistente approfondimento casistico. Il corso, infine, esaminerà l’adeguatezza del quadro normativo rispetto alla situazione di emergenza pandemica e il possibile incremento di contenzioso giudiziario per morti da COVID.

 

SCARICA QUI LA BROCHURE

SCARICA QUI LA GUIDA DI ACCESSO